Curriculum vitae

e-mail: avv.antonioditulliodelisiis@gmail.com

pec: ditulliodelisiis.antonio@coalarino.legalmail.it

it.linkedin.com/pub/antonio-di-tullio-d-elisiis/7b/568/3a9.

sito internet: https://www.antonio-di-tullio-d-elisiis.it

cell. 340.7812516

 

Antonio Di Tullio D’Elisiis

avvocato

Nato a Roma (RM) il 13/06/1975

Nazionalità: italiana

2010    Iscritto all’Ordine degli Avvocati di Larino (CB) dal 26/02/2010 tess. n. 582.

FORMAZIONE

2004    Laurea in Giurisprudenza; Università di Roma “La Sapienza”.

Votazione: 103/110.

            Nelle materie afferenti il diritto penale sono state riportate le seguenti votazioni:

            PROCEDURA PENALE    30 E LODE;

            DIRITTO PENALE           30 E LODE;

            CRIMINOLOGIA              29.          

                                             

1994    Diploma di maturità scientifica; Liceo Plinio seniore; Roma.

Votazione: 47/60.

 

Conoscenza del diritto penale sia sotto il profilo sostanziale sia quello procedurale.

Difatti, sono stati trattati, nella maggior parte dei casi durante lo svolgimento della pratica forense, i seguenti illeciti penali: ricettazione; incauto acquisto; riciclaggio; furto (mono e pluriaggravato) aggravato; tentato furto; rapina aggravata; tentata rapina; rapina impropria; favoreggiamento reale; rissa; detenzione di sostanze stupefacenti al fine di spaccio; violazione degli obblighi di assistenza famigliare; truffa; calunnia; evasione; associazione a delinquere; associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti; falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico; false dichiarazioni sulla identità o su qualità personali proprie o di altri; falsità in scrittura privata; sostituzione di persona; minacce; guida in stato di ebbrezza; bancarotta fraudolenta; oltraggio a un magistrato in udienza; appropriazione indebita; insolvenza fraudolenta; resistenza a un pubblico ufficiale; lesione personale; commercio abusivo di farmaci o sostanze dopanti; ingiuria verbale; omicidio (appello); tentato omicidio; omicidio colposo; inosservanza dell’obbligo della misura di prevenzione;

le successive circostanze di reato quali: l’attenuante della “lieve entità” di cui all’art. 73; comma V, d.p.r. n. 309 del 1990; la collaborazione nel caso previsto dall’art. 73, comma VII, d.p.r. n. 309; l’aggravante dell’ “ingente quantitàex art. 80, comma II, d.p.r. n. 309; l’attenuante della particolare tenuità di cui all’art. 648, comma II, c.p.; l’aggravante dell’uso delle armi di cui all’art. 628, comma III, n. 1, c.p.; la costituzione in carcere prima della condanna (art. 385, ult. comma, c.p.); l’aggravante della violenza sulle cose (art. 625, co. I, n. 2, c.p.); l’attenuante della minima partecipazione; l’attenuante dello stato d’ira determinato dal fatto ingiusto altrui; l’attenuante del ravvedimento operoso; l’attenuante del danno patrimoniale di speciale tenuità; l’aggravante dell’abuso di relazioni domestiche; la recidiva;

le susseguenti cause di non punibilità e di giustificazione: incapacità di intendere e di volere; stato di necessità (nella forma putativa); causa di forza maggiore; errore sul fatto che costituisce reato; reato impossibile per inidoneità dell’azione; la provocazione prevista dall’art. 599 c.p. (anche, ai sensi dell’art. 59, co. IV, c.p., nella forma putativa); desistenza volontaria;

le seguenti problematiche procedurali: i decreti autorizzativi nei casi previsti dall’art. 268, co. III, c.p.p.: condizioni richieste per la loro validità;le prove indiziarie: i requisiti richiesti ai fini della loro utilizzabilità; le dichiarazioni del coimputato e la necessità di riscontri esterni; la credibilità (soggettiva ed oggettiva) del testimone; sequestro probatorio e sequestro preventivo; ne bis in idem internazionale (art. 54 Convenzione di Schengen); l’art. 705, co. II, c.p.p. : il rispetto dei principi fondamentali dell’ordinamento giuridico dello Stato come condicio sine qua non per l’accoglimento della richiesta di estradizione; la rinnovazione dell’istruttoria dibattimentale nei casi previsti dall’art. 603 c.p.p.; la mancata valutazione della prova prospettata dalla difesa come motivo di censura di legittimità; nullità del decreto che dispone il giudizio per omesso svolgimento delle ricerche nei luoghi indicati dall’art. 159 c.p.p.; inutilizzabilità della deposizione del teste omissis; e)inutilizzabilità di accertamenti tecnici eseguiti in violazione dell’art. 360, co. I, III e IV c.p.p.; inutilizzabilità della deposizione resa da un ispettore di p.g. per violazione degli artt. 514; comma II secondo capoverso e 499, co. V; c.p.p.; nullità dell’avviso di fissazione dell’udienza preliminare e del decreto che dispone il giudizio per mancata notifica dell’avviso alla difesa; inutilizzabilità della teste omissis per violazione dell’art. 195; co. III, c.p.p. ; nullità dell’ordinanza emessa dal Tribunale di Sorveglianza di omissis per violazione dell’art. 666, co. VI, c.p.p.; mancata notifica dell’avviso di fissazione dell’udienza camerale al difensore di fiducia nei procedimenti de libertate; nullità di una ordinanza custodiale per violazione degli artt. 303, co. IV, lett. b) e 304, co. VI, c.p.p.;

 le problematiche afferenti il settore dell’esecuzione penale; della sorveglianza e della misura di prevenzione con particolare attenzione alle seguenti questioni: ne bis in idem in esecutis: l’individuazione della cessazione del termine finale nei reati associativi; lo stato di tossicodipendenza e la continuazione in sede esecutiva: limiti e possibilità di applicazione; i criteri utilizzabili per poter invocare la disciplina della continuazione; la sentenza straniera come fattore ostativo ai fini del riconoscimento estinzione pena: esclusione; i requisiti richiesti per l’applicazione e la proroga del regime carcerario differenziato; l’attualità della pericolosità sociale come requisito imprescindibile per l’applicazione (ed il mantenimento) della misura di prevenzione.

 

Lo scrivente altresì collabora con la rivista telematica IlMerito.it della Maggioli editore per la stesura di massime nonché con Sicurezza e Giustizia e Il documento digitale.

 

Membro del comitato scientifico di Ratio Legis, Rivista giuridica telematica.

 

Pubblicazioni

 

Monografie

La riforma del codice antimafia”, (scritto assieme al Dott. Nicola D’Angelo), Santarcangelo di Romagna, Maggioli editore, dicembre 2017.

L’esecuzione penale”, Padova, Primiceri editore, novembre 2017.

La nuova prescrizione dopo la L. 103/2017”, Santarcangelo di Romagna, Maggioli editore, ottobre 2017.

Le impugnazioni straordinarie nell’ambito del processo penale”, Padova, Primiceri editore, settembre 2017.

Appello e cassazione penale dopo la legge 103/2017” (scritto assieme all’Avv. Gabriele Esposito), Santarcangelo di Romagna, Maggioli editore, luglio 2017.

Riforma penale guida commentata alla legge 103/2017”, (scritto assieme al Dott. Nicola D’Angelo), Santarcangelo di Romagna, Maggioli editore, luglio 2017.

Il dibattimento nel processo penale. Profili ermeneutici”, Padova, Primiceri editore, aprile 2017.

Mezzi di prova e mezzi di ricerca della prova in sede penale” (con la collaborazione dell’Avv. Domenico Giannelli), Matelica (MC), Nuova Giuridica, aprile 2017.

Il ruolo della parte civile nel processo penale”, Padova, Primiceri editore, gennaio 2017.

Depistaggio e frode nel processo penale - profili sostanziali e procedurali - Commento alla legge, 11 luglio 2016, n. 133 (GU n.166 del 18-7-2016” (e-book), Santarcangelo di Romagna, Maggioli editore – Cassazione.net, settembre 2016.

L’applicazione della messa alla prova per gli adulti e i minori”, Santarcangelo di Romagna, Maggioli editore, settembre 2016.

Applicazione della non punibilità per particolare tenuità del fatto”, Santarcangelo di Romagna, Maggioli editore, Maggioli editore, luglio 2016.

La giustizia penale minorile. Il minore autore di reato”, Matelica (MC), Nuova giuridica, giugno 2016.

Assistenza e protezione delle vittime di reato”, Milanofiori Assago, Altalex editore, febbraio 2016.

Le novità in materia di depenalizzazione dopo i Decreti Legislativi 15 gennaio 2016 n. 7 e n. 8”, Santarcangelo di Romagna, Maggioli editore, febbraio 2016.

I nuovi reati ambientali e le strategie difensive” - Commento alla Legge 22 maggio 2015, n. 68 (G.U. 28 maggio 2015, n. 122)”, Santarcangelo di Romagna, Maggioli editore, ottobre 2015.

Non punibilità per tenuità del fatto e strategie processuali - D.Lgs. 16 marzo 2015, n. 28 (G.U. 18 marzo 2015, n. 64)”, Santarcangelo di Romagna, Maggioli editore, giugno 2015. 

Le nuove misure cautelari - Commento alla Legge 16 aprile 2015, n. 47 (G.U. 23 aprile 2015, n. 94)”, (e-book) Santarcangelo di Romagna, Maggioli editore, marzo 2015. 

Autoriciclaggio – applicazione e strategie difensive”, Santarcangelo di Romagna, Maggioli editore, marzo 2015.

Le novità nel processo civile dopo la riforma della giustizia. Cosa cambia dopo il D.L. 132/2014, convertito con modifiche in L. 162/2014 (G.U. 10-11-2014, n. 261)”, Santarcangelo di Romagna, Maggioli editore, novembre 2014.

Le novità nel processo civile. Cosa cambia dopo il d.l. 132/2014”, Santarcangelo di Romagna, Maggioli editore, settembre 2014.

Risarcimenti dei detenuti per sovraffollamento”, Santarcangelo di Romagna, Maggioli editore, settembre 2014.

 “La messa alla prova per l’imputato”; Commento della legge 28 aprile 2014, n. 67  (in G.U. 2 maggio 2014, n. 100); Santarcangelo di Romagna, Maggioli editore, giugno 2014.

Nuova disciplina degli stupefacenti e rideterminazione della pena”; Santarcangelo di Romagna, Maggioli editore, giugno 2014.

Il nuovo reato di femminicidio”; Legge 15 ottobre 2013, n. 119; Santarcangelo di Romagna, Maggioli editore, dicembre 2013.

 

 

Articoli

 

1)“La pubblicazione della sentenza penale sul sito web del Ministero di Giustizia può essere disposta solo se prevista come pena accessoria”, in Sicurezza e Giustizia, numero IV del MMXVII.

2)“Come si deve determinare la pena qualora debba riconoscersi la continuazione in sede esecutiva”, (articolo scritto assieme all’Avv. Domenico Giannelli), Giust. pen., 11/2017, III, 615.

3)“Il dolo d’impeto e l’aggravante della crudeltà sono compatibili tra di loro?”, (articolo scritto assieme all’Avv. Domenico Giannelli), Riv. pen., 11/2017.

4)“La Cassazione si adatta alla depenalizzazione del reato di scrittura privata falsa e di uso di atto falso”, nota a Corte di Cassazione, Sezione II penale, sentenza n. 4951 del 17 gennaio 2017 e depositata il 2 febbraio 2017, in Sicurezza e Giustizia, numero III del MMXVII.

5)“Per la misura cautelare della custodia in carcere vale l’intero quadro indiziario”, nota a Corte di Cassazione, Sezione VI penale, sentenza n. 3624 del 16 gennaio 2016 e depositata il 23 gennaio 2017, in Sicurezza e Giustizia, numero II del MMXVII.

6)“La Cassazione chiarisce la portata applicativa dell’art. 375 c.p.”, nota a Corte di Cassazione, Sezione VI, sentenza n. 24557 del 17/05/2017, 22 maggio 2017, in diritto.it.

7)“La casella di posta elettronica è un “sistema informatico” rilevante ai sensi dell’art. 615 ter c.p.”, nota a Corte di Cassazione, Sezione V penale, sentenza n. 13057 del 28 ottobre 2015 e depositata il 31 marzo 2016, in Sicurezza e Giustizia, I/MMXVII.

8)“Il giudice dell’esecuzione non può attribuire alcun rilievo alle nullità verificatesi nel corso del giudizio di cognizione”, nota a Cass. pen., sez. I, sentenza n. 11039/2017 depositata il 7 marzo, in Diritto & Giustizia, 8 marzo 2017.

9)“Quando ricorre l’interesse della parte civile ad impugnare la sentenza di condanna in merito alla qualificazione giuridica dei fatti”, nota a Cass. pen., sez. V, sentenza, ud. 14/04/2016 (dep. 20/12/2016), n. 54138. Pres. P. A. Bruno, Giud. estens. R. Pezzullo, in Ratio legis, anno 2, numero 1, febbraio 2017.

10)“Custodia cautelare da annullare se la difesa non ha ottenuto copia delle intercettazioni richieste tempestivamente dal pm”, nota a Corte di Cassazione, sez. VI, sentenza n. 45490 del 4 novembre 2015 e depositata il 13 novembre 2015, in Sicurezza e Giustizia, numero II del MMXVI, trimestre aprile – maggio – giugno 2016.

11)“Valida la notifica via pec al difensore per il decreto di citazione a giudizio”, nota a Corte di Cassazione, sez. III, sentenza n. 6118 del 14 gennaio 2016 e depositata il 15 febbraio 2016, in Il Documento digitale, numero II del MMXVI, trimestre aprile – maggio – giugno 2016.

12)“Le notificazioni a persona diversa dall’imputato o indagato eseguite via pec”, nota a Corte di Cassazione, Sezioni Unite, sentenza n. 32243 del 26 giugno 2015 e depositata il 22 luglio 2015, in Il Documento digitale, numero II del MMXVI, trimestre gennaio – febbraio – marzo 2016.

13)“L’integrale falsificazione della polizza e del contrassegno assicurativo, per effetto dell’abrogazione dell’art. 485 c.p., è ancora sanzionabile penalmente?”, in diritto.it, 23 marzo 2016.

14)“Se viene dichiarata inammissibile un’istanza proposta a norma dell’art. 35 ter, legge, 26 luglio 1975, n. 354, si può impugnare solo ricorrendo in Cassazione”, in diritto.it, 18 marzo 2016.

15)“La nuova legittima difesa e la legittima difesa domiciliare. L’art. 52 c.p.: una possibile proposta de iure condendo”, in diritto.it, 11 marzo 2016.

16)“Sono revocabili le statuizioni civili adottate con sentenza di condanna non definitiva per un fatto “civilizzato” a norma del decreto legislativo, 15 gennaio 2016, n. 7 prima della sua entrata in vigore?”, nota a Cass. pen., sez. V, ord., ud. 9 febbraio 2016 (dep. 23 febbraio 2016), n. 7125,  Pres. G. Lapalorcia, Giud. estens. L. Pistorelli, in diritto.it, 2 marzo 2016.

17) “L’art. 73, co. 5, d.P.R., 9 ottobre 1990, n. 309 non è in contrasto con l’art. 3 Cost.”, nota a Corte Cost., sentenza, ud. 13 gennaio 2016 (dep. 11 febbraio 2016), n. 23, in diritto.it, 26 febbraio 2016.

18)“Nullità o mera irregolarità per la mancata osservanza dell'art. 90-bis c.p.p.?, in diritto.it, 19 febbraio 2016.

19)“Il delitto di resistenza a un pubblico ufficiale c.d. “impropria”: profili ermeneutici e casi pratici”, in diritto.it, 6 febbraio 2016.

20)“Il principio del ragionevole dubbio a quasi dieci anni dalla modifica dell’art. 533 c.p.p.: lo stato dell’arte ”, in diritto.it, 3 febbraio 2016.

  1.  “Il reato di autoriciclaggio può ritenersi configurabile anche quando il delitto presupposto sia stato commesso prima dell’entrata in vigore dell’art. 648 ter.1 c.p.”, in diritto.it, 2 febbraio 2016.
  2. Il rapporto tra l’arresto in flagranza di reato e la particolare tenuità del fatto”, in https://www.sicurezzaegiustizia.com/il-rapporto-tra-larresto-in-flagranza-di-reato-e-la-particolare-tenuita-del-fatto/, 26 gennaio 2016.
  3.  “La preclusione prevista dall’art. 666, co. II, c.p.p. non opera qualora vengano dedotte nuove circostanze di fatto ovvero nuove questioni di diritto che non hanno formato oggetto della precedente decisione”, nota a Cass. pen., sez. I, sentenza ud. 8 gennaio 2015 (dep. 25 febbraio 2015), n. 8518, Pres. M. C. Siotto, Giud. estens. A. Centonze, in https://www.diritto.it/docs/37571-la-preclusione-prevista-dall-art-666-co-ii-c-p-p-non-opera-qualora-vengano-dedotte-nuove-circostanze-di-fatto-ovvero-nuove-questioni-di-diritto-che-non-hanno-formato-oggetto-della-precedente-deci, 18 novembre 2015.
  4. In tema di estinzione della pena per decorso del tempo, non è consentito al giudice dell'esecuzione penale, ai fini dell'applicazione del disposto dell'art. 172 c.p., comma 7, di sindacare l'esistenza della recidiva, se accertata in sede di cognizione”, nota a Cass. pen., sez. I, sentenza ud. 8 aprile 2015 (dep. 18 maggio 2015), n. 20496, Pres. U. Giordano, Giud. estens. A. Centonze, in https://www.diritto.it/docs/37563-in-tema-di-estinzione-della-pena-per-decorso-del-tempo-non-consentito-al-giudice-dell-esecuzione-penale-ai-fini-dell-applicazione-del-disposto-dell-art-172-c-p-comma-7-di-sindacare-l-esistenza-de, 18 novembre 2015.
  5. Non può essere rimesso il processo ad altro giudice, quando si è in presenza di una situazione processuale che ha avuto una dialettica del tutto ordinaria e non sussiste alcuna anomalia che possa incidere sulla serenità e sull'imparzialità dei giudicanti”, nota a Cass. pen., sez. II, sentenza ud. 21 luglio 2015 (dep. 9 settembre 2015), n. 36463, Pres. A. Esposito, Giud. estens. A. Pellegrino, in https://www.diritto.it/docs/37560-non-pu-essere-rimesso-il-processo-ad-altro-giudice-quando-si-in-presenza-di-una-situazione-processuale-che-ha-avuto-una-dialettica-del-tutto-ordinaria-e-non-sussiste-alcuna-anomalia-che-possa-inc, 18 novembre 2015.
  6. Il giudizio di complessità, che può legittimare la sospensione dei termini di custodia cautelare, deve avere carattere prognostico e deve essere basato su fatti concreti e specifici”, nota a Cass. pen., sez. V, sentenza ud. 23 giugno 2015 (dep. 6 luglio 2015), n. 28663, Pres. F. Ippolito, Giud. estens. G. De Amicis, in https://www.diritto.it/docs/37568-il-giudizio-di-complessit-che-pu-legittimare-la-sospensione-dei-termini-di-custodia-cautelare-deve-avere-carattere-prognostico-e-deve-essere-basato-su-fatti-concreti-e-specifici, 18 novembre 2015.
  7. Per individuare la competenza territoriale in ordine ai reati associativi, si deve avere riguardo al posto in cui hanno avuto luogo la programmazione, l’ideazione e la direzione dell'associazione”, nota a Cass. pen., sez. II, sentenza ud. 22 settembre 2015 (dep. 5 ottobre 2015), n. 39895, Pres. A. Esposito, Giud. estens. A. Pellegrino, in https://www.diritto.it/docs/37569-per-individuare-la-competenza-territoriale-in-ordine-ai-reati-associativi-si-deve-avere-riguardo-al-posto-in-cui-hanno-avuto-luogo-la-programmazione-l-ideazione-e-la-direzione-dell-associazione, 18 novembre 2015.
  8. Non può essere differita l’esecuzione della pena per infermità fisica o disposta l'applicazione della detenzione domiciliare se la situazione patologica in cui versa il detenuto sia congruamente fronteggiabile in ambiente carcerario”, nota a Cass. pen., sez. I, sentenza ud. 30 giugno 2015 (dep. 8 settembre 2015), n. 36322, Pres. S. Chieffi, Giud. estens. M. Cassano, in https://www.diritto.it/docs/37562-non-pu-essere-differita-l-esecuzione-della-pena-per-infermit-fisica-o-disposta-l-applicazione-della-detenzione-domiciliare-se-la-situazione-patologica-in-cui-versa-il-detenuto-sia-congruamente-fr, 18 novembre 2015.
  9. La particolare tenuità del fatto non si applica nei procedimenti pendenti innanzi al giudice di pace(?)”, nota a Cass. pen., sez. feriale, sentenza ud. 20 agosto 2015 (dep. 24 settembre 2015), n. 38876, Pres. F. Fiandanese, Giud. estens. V. Di Nicola, in https://www.diritto.it/docs/37570-la-particolare-tenuit-del-fatto-non-si-applica-nei-procedimenti-pendenti-innanzi-al-giudice-di-pace, 18 novembre 2015.
  10. L'inesatta indicazione della data di comparizione per il dibattimento non integra una nullità assoluta”, nota a Cass. pen., sez. II, sentenza ud. 29 settembre 2015 (dep. 6 ottobre 2015), n. 40128, Pres. F. Fiandanese, Giud. estens. G. Rago, in https://www.diritto.it/docs/37568-il-giudizio-di-complessit-che-pu-legittimare-la-sospensione-dei-termini-di-custodia-cautelare-deve-avere-carattere-prognostico-e-deve-essere-basato-su-fatti-concreti-e-specifici, 18 novembre 2015.
  11. Integrazione probatoria ex art.441cpp comma 5 anche dopo la discussione”, nota a Cass. pen., sez. VI, sentenza ud. 28 gennaio 2015 (dep. 16 aprile 2015), n. 15912, Pres. V. Rotundo, Giud. estens. A. Bassi, in https://www.diritto.it/docs/37528-integrazione-probatoria-ex-art-441cpp-comma-5-anche-dopo-la-discussione, 9 novembre 2015.
  12. Astensione del giudice che aveva giudicato con giudizio abbreviato”, nota a Cass. pen., sez. III, sentenza ud. 24 aprile 2015 (dep. 30 luglio 2015), n. 33591, Pres. S. F. Mannino, Giud. estens. V. Di Nicola, in https://www.diritto.it/docs/37527-astensione-del-giudice-che-aveva-giudicato-con-giudizio-abbreviato, 9 novembre 2015.

33)“Non si corregge in Cassazione la difformità tra dispositivo e motivazione”, nota a Cass. pen., sez. IV, sentenza ud. 29 settembre 2015, n. 43419, Pres. C. D’Isa, Giud. estens. V. Pezzella, in https://www.diritto.it/docs/37526-non-si-corregge-in-cassazione-la-difformit-tra-dispositivo-e-motivazione, 9 novembre 2015.

  1. Nel caso di riforma in peius di una sentenza assolutoria emessa in sede giudizio abbreviato condizionato, la Corte di Appello è tenuta, ai sensi dell’art. 6 CEDU, a rinnovare l'istruttoria dibattimentale quando intende operare un diverso apprezzamento”, nota  a Cass. pen., sez. VI, sentenza ud. 23 giugno 2015 (dep. 1 settembre 2015), n. 35799, Pres. F. Ippolito, Giud. estens. B. Paternò Raddusa, in https://www.diritto.it/docs/37529-nel-caso-di-riforma-in-peius-di-una-sentenza-assolutoria-emessa-in-sede-giudizio-abbreviato-condizionato-la-corte-di-appello-tenuta-ai-sensi-dell-art-6-cedu-a-rinnovare-l-istruttoria-dibattimenta, 9 novembre 2015.
  2. L’applicazione retroattiva della legge, 16 aprile 2015, n. 47: potenziali profili di criticità ermeneutica”, 22 ottobre 2015, in www.diritto.it.
  3. Ecoreati: un’importante precisazione sull’omessa bonifica”, 19 ottobre 2015, in https://www.ediltecnico.it/35123/ecoreati-unimportante-precisazione-sullomessa-bonifica/.
  4. Particolare tenuità del fatto e delitto di autoriciclaggio”, 17 giugno 2015, in https://www.diritto.it/docs/37170-particolare-tenuit-del-fatto-e-delitto-di-autoriciclaggio. 
  5.  “Particolare tenuità del fatto in via predibattimentale (Trib. Bari 20 aprile 2015 n. 1523)”, in https://www.diritto.it/docs/37119-particolare-tenuit-del-fatto-in-via-predibattimentale-trib-bari-20-aprile-2015-n-1523?page=3.
  6. Il pregiudizio e l’entrata in vigore del decreto legge n. 92 del 2014”, nota a decreto, Magistrato di sorveglianza di Alessandria, Dott. G. Vignera, 31 ottobre 2014, in www.leggioggi.it, 5 dicembre 2014.

40)“Cosa si deve intendere per “pregiudizio” nel caso previsto dall’art. 35 ter, comma I, legge, 26 luglio 1975, n. 354”, in www.diritto.it, 1 dicembre 2014.

41)“Una prima valutazione dell’art. 35 ter della legge n. 354 del 1975 da parte della Corte europea dei diritti dell’uomo”, in https://www.duitbase.it/articoli/una-prima-valutazione-dell-art-35-ter-della-legge-n-354-del-1975-da-parte-della-corte-europea-dei-diritti-dell-uomo, 25 novembre 2014.

42)“Una lettura “comunitariamente” orientata dell’art. 35 ter, co. I, legge, 26 luglio 1975, n. 354”, nota a ordinanza, Ufficio di Sorveglianza di Roma, giud. estens. Dott.ssa V. Stefanelli, 20 ottobre 2014, Parere conf. P.M., in www.diritto.it, 19 novembre 2014.

43)“Stupefacenti, rideterminazione della pena dopo la sentenza della Consulta”, in www.leggioggi.it, 17 novembre 2014.

  1. Una prima interpretazione dell’art. 35 ter, comma I, legge, 26 luglio 1975, n. 354”, nota a decreto, Magistrato di sorveglianza di Vercelli, Dott. F. Fiorentin, 24 settembre 2014, in www.diritto.it, 14 novembre 2014.
  2. La sorveglianza del datore di lavoro continua fino alla fine dei lavori”, nota a Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza 17 giugno 2014 – 17  luglio 2014, n. 31458, in diritto & giustizia, 18 luglio 2014.
  3. Il delitto di combustione illecita di rifiuti”, articolo pubblicato su https://lexambiente.it/rifiuti/179-dottrina179/10135-rifiutiil-delitto-di-combustione-illecita-di-rifiuti.html.
  4. La nuova aggravante prevista dall’art. 625, co. I, n. 7 bis, c.p.”, articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/35764-la-nuova-aggravante-prevista-dall-art-625-co-i-n-7-bis-c-p.
  5. Frode informatica commessa con sostituzione d'identità digitale: i profili applicativi”, articolo pubblicato su https://www.penale.it/page.asp?mode=1&IDPag=1126.
  6. Il pericolo di reiterazione previsto dall’art. 274, co. I, lett. c), c.p.p. non può ricavarsi da elementi meramente congetturali o astratti”, nota a Cass. pen., sez. VI, sentenza 10 luglio – 3 ottobre 2013, n. 40954, Pres. Di Virginio, Rel. Raddusa, articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/35556-il-pericolo-di-reiterazione-previsto-dall-art-274-co-i-lett-c-c-p-p-non-pu-ricavarsi-da-elementi-meramente-congetturali-ed-astratti .
  7. In tema di applicazione della pena concordata, spetta al giudice la verifica non solo formale, ma anche sostanziale, della qualificazione giuridica del fatto”, nota a Cass. pen., sez. V, 19 aprile – 2 ottobre 2013, Pres. Grassi,  Cons. rel. Micheli, articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/35548-in-tema-di-applicazione-della-pena-concordata-spetta-al-giudice-la-verifica-non-solo-formale-ma-anche-sostanziale-della-qualificazione-giuridica-del-fatto .
  8. L’aggravante dell’uso di mezzo fraudolento di cui all’art. 625, comma primo, n. 2, cod. pen. non ricorre nel caso di mero occultamento della merce sottratta”,  nota a Cass. pen., sez. un., sent., 18 luglio – 30 settembre 2013, n. 40354, Pres. Santacroce, Cons. rel. Blaiotta, articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/35543-l-aggravante-dell-uso-di-mezzo-fraudolento-di-cui-all-art-625-comma-primo-n-2-cod-pen-non-ricorre-nel-caso-di-mero-occultamento-della-merce-sottratta .
  9. L’art. 622 c.p.p.: i profili applicativi”, articolo pubblicato su https://www.altalex.com/index.php?idstr=49&idnot=64859 .
  10. Brevi considerazioni sull’art. 3, comma I, del decreto legge, 26 aprile 1993, n. 11”, articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/35498-brevi-considerazioni-sull-art-3-comma-i-del-decreto-legge-26-aprile-1993-n-122 .
  11. Il decreto emesso in materia in materia di sicurezza e per il contrasto della violenza di genere, nonche' in tema di protezione civile e di commissariamento delle province: i profili penali”, articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/35359-il-decreto-emesso-in-materia-di-sicurezza-e-per-il-contrasto-della-violenza-di-genere-nonche-in-tema-di-protezione-civile-e-di-commissariamento-delle-province-i-profili-penali .
  12. L’art. 1 del Decreto legislativo, 31/12/12, n. 235: questioni di diritto intertemporale”, articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/35356-l-art-1-del-decreto-legislativo-31-12-2012-n-235-questioni-di-diritto-intertemporale?page=1 .
  13. La confisca prevista dall’art. 12 sexies d.l., 8/06/92, n. 306 convertito nella legge, 7 agosto 1992, n. 336 è applicabile anche qualora venga commesso il delitto di tentata estorsione”, articolo pubblicato su https://www.diritto.it/system/docs/35332/original/commento-sentenza-misure-sicurezza.pdf e su https://www.nuovefrontierediritto.it/la-confisca-prevista-dallart-12-sexies-d-l-80692-n-306/ .
  14. "Il delitto tentato e le circostanze del reato: una proposta de iure condendo", articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/35264-il-delitto-tentato-e-le-circostanze-del-reato-una-proposta-de-iure-condendo .
  15. La chiamata di relato può fungere, ove ricorrano date condizioni, da elemento di riscontro di un’altra chiamata de relato”, nota a sent., Cass. pen., Sezioni Unite, 14/05/13 (ud. 28/11/12), n. 20804, articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/35177-la-chiamata-di-relato-pu-fungere-ove-ricorrano-date-condizioni-da-elemento-di-riscontro-di-un-altra-chiamata-de-relato e su https://www.nuovefrontierediritto.it/la-chiamata-di-relato-puo-fungere-ove-ricorrano-date-condizioni-da-elemento-di-riscontro-di-unaltra-chiamata-de-relato/ e su https://www.osservatoriopenale.it/images/pdf/chiamata_relato.pdf .
  16. La condotta colposa penalmente rilevante ai sensi dell’art. 3, co. I, primo capoverso, della legge, 8/11/12, n. 189 tra profili di critica applicativa e prospettive de iure condendo”, articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/35115-la-condotta-colposa-penalmente-rilevante-ai-sensi-dell-art-3-co-i-primo-capoverso-della-legge-8-11-12-n-189-tra-profili-di-critica-applicativa-e-prospettive-de-iure-condendo e su https://www.osservatoriopenale.it/images/pdf/resp_medico.pdf .
  17. L’art. 124, co. I, c.p.p.: profili teorici e casi pratici”; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/35032-l-art-124-co-i-c-p-profili-teorici-e-casi-pratici.
  18. L’art. 391 nonies c.p.p.: brevi cenni sui profili di criticità applicativa”; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/35018-l-art-391-nonies-c-p-p-brevi-cenni-sui-profili-di-criticit-applicativa.
  19. Brevi considerazioni sull’art. 37 disp. att. c.p.p.”; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34833-brevi-considerazioni-sull-art-37-disp-att-c-p-p. .
  20. Che significato deve attribuirsi alla parola parte nei casi previsti dagli articoli 182, co. II e 183, co. I, lett. a), c.p.p.?”; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34791-che-significato-deve-attribuirsi-alla-parola-parte-nei-casi-previsti-dagli-articoli-182-co-ii-e-183-co-i-lett-a-c-p-p. .
  21. L’art. 238 bis c.p.p.: brevi cenni sui profili di criticità applicativa”; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34712-l-art-238-bis-c-p-p-brevi-cenni-sui-profili-di-criticit-applicativa.
  22. "I profili di criticità sottesi all'applicazione dell'art. 629 c.p.p. in riferimento alle sentenze irrevocabili emesse ai sensi dell'art. 444, co. II, c.p.p."; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/system/docs/34557/original/art_629_commento.pdf.
  23. "Quali sono i presupposti ermeneutici richiesti affinchè possa applicarsi l'art. 284, co. III, c.p.p."; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34536-quali-sono-i-presupposti-ermeneutici-richiesti-affinch-possa-applicarsi-l-art-284-co-iii-c-p-p?page=2.
  24. L’onere imposto dall’art. 356 c.p.p. deve ritenersi operante anche quando si procede a sequestro preventivo?”; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34532.
  25. L’autorità giudiziaria procedente, qualora debba applicare una misura cautelare, è tenuta a considerare il tempus commissi delicti”, nota a sent., Cass. pen., sez. III, 7/01/13, n. 222; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/system/docs/34500/original/commento-art-292-cpp.pdf.
  26. La valutazione prognostica prevista dall’art. 591 c.p.p. deve considerarsi diversa da quella richiesta dall’art. 606, co. III, c.p.p.”, nota a sent., Cass. pen., sez. II, 4/12/12, n. 49424; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34493.
  27. Il decreto previsto dall’art. 410, co. II, c.p.p.: brevi cenni sui profili di criticità applicativa”; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/system/docs/34475/original/il-decreto-previsto-dall_art_410.pdf.
  28.  “Il concorso esterno nei reati associativi: una proposta de iure condendo”; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34457.
  29. Quando il principio della correlazione tra accusa e sentenza può ritenersi osservato”, nota a Cass. pen., sez. II, 30/11/12, n. 47840; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34448.
  30. Il dolo di cui all’art. 483 c.p.: brevi cenni sui profili di criticità applicativa”; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34441.
  31. “Il difensore d’ufficio dell’imputato irreperibile o latitante, non iscritto all’albo speciale previsto dall’art. 613, co. I, c.p.p., può ricorrere per Cassazione?”; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34433.
  32. In materia di riabilitazione, il giudice ha l’obbligo di verificare se il risarcimento, offerto dal condannato in via transattiva alla vittima del reato, sia idoneo a ristorare i danni cagionati”, nota a sent., Cass. pen., sez. I, 10/10/12, n. 42164; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34432.
  33. I presupposti valutativi richiesti per appurare la sussistenza dell’attenuante di cui al quinto comma dell’art. 73 del d.p.r. n. 309/90”, nota a sent., Cass. pen., sez. III, 12/07/12, dep. 28/11/12, n. 46299; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34431.
  34. La parte offesa, costituitasi parte civile, può proporre ricorso per Cassazione avverso la sentenza di non luogo a procedere unicamente per gli effetti penali della decisione”; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34395.
  35. Il Giudice, con l’ordinanza di convalida dell’arresto prevista dall’art. 391, co. III, c.p.p. deve limitarsi a verificare il legittimo uso dei poteri discrezionali da parte della polizia giudiziaria”, nota a sent., Cass. pen., sez. II, 15/11/12, n. 45909; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34368.
  36. Il sabato non è annoverabile tra i giorni festivi richiamati dall’art. 172, co. III, c.p.p.”, nota a sent., Corte di Cassazione, sez. VI, 30/10/11, n. 43549; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34367.
  37. Quale rimedio giurisdizionale è esperibile avverso i provvedimenti di urgenza previsti dall’art. 22 del decreto legislativo, 6/09/11, n. 159?”; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34330.
  38. È revocabile la richiesta dell’abbreviato incondizionato?”; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34329.
  39. Gli imputati sono sottoposti ad un trattamento penitenziario analogo a quello riservato ai condannati”, nota a sent., Cass. pen., sez. I, ud. 27/06/12, dep. il 17/07/12, n. 29109; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34298.
  40. L’imputato è da considerarsi condannato nel caso di annullamento con rinvio?”; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34297.
  41. La recidiva non preclude necessariamente l’estinzione della pena ai sensi dell’art. 172 c.p.”, nota sent., a Cass. pen., sez. I, 19/06/12, dep. il 9/7/12, n. 26919; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34296.
  42. Dormire nudo all’interno di una macchina è sufficiente per integrare il delitto di atti osceni?”, nota a sent., Cass. pen., sez. III, 22/05/12, dep. il 13/06/12, n. 23234; pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34295.
  43. Il superamento dei limiti massimi indicati nel decreto ministeriale dell’11/04/06 non costituisce una presunzione assoluta in ordine alla condotta di “spaccio” del detentore”, nota a sent., Cass. pen., sez. V, 17/05/12, dep. l’11/09/12, n. 34578; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34253.
  44. I criteri di valutazione decisoria previsti dall’art. 425, co. III, c.p.p. riguardano soltanto l'effettiva, potenziale, utilità del dibattimento”, nota a sent., Cass. pen., sez. VI, 17/06/12, n. 33921; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34252.
  45. E’ configurabile la continuazione laddove siano commessi reati colposi?”, nota a sent., Cass. pen., sez. VI Penale, n. 35543/12; depositata il 17 settembre; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34211.
  46. Come e in che termini l’assunzione di sostanze stupefacenti determina il reato previsto dall’art. 187, co. I, D.lgs., 30/04/92, n. 285”, nota a sent., Cass. pen., sez. IV, 27/03/12, dep. il 4/05/12, n. 16895; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34210.
  47. La sospensione condizionale della pena subordinata al risarcimento del danno non può essere revocata qualora il condannato sia impossibilitato ad adempiere o versi in gravi condizioni economiche”, nota a sent., Cass. pen.,, sez. I Penale, 20 marzo – 24 settembre 2012, n. 36655, articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34209.
  48. Il diritto di impugnazione può essere esercitato da ciascun difensore”, nota a sent., Cass. pen., Sez. II, ud. 28/04/11, dep. il 16/11/11, n. 19109; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34208.
  49. Affinchè ricorrano i delitti previsti dagli artt. 473 e 474 c.p., è necessaria l'avvenuta registrazione del marchio o del segno non essendo sufficiente la semplice domanda”, nota a sent., Cass. pen., sez. V, 13 luglio 2012 (dep. 21 settembre 2012), n. 36360; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34197.
  50. La querela non può costituire elemento probatorio tranne che per accertare l’esistenza delle condizioni di procedibilità”, nota a sent., Cass. pen.,, sez. IV penale, 4 – 22 ottobre 2012, n. 41193; articolo pubblicato su   https://www.diritto.it/docs/34187.
  51. Qualora l’imputato abbia manifestato la volontà di comparire all’udienza camerale, è suo diritto potervi presenziare”, nota a sent., Cass. pen., sez. III penale, 2 – 24 ottobre 2012, n. 4163; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34186.
  52. I presupposti richiesti per l’applicazione dell’attenuante prevista dall’art. 62, co. I, n. 4, c.p.”; articolo pubblicato su  https://www.diritto.it/docs/34185.
  53. Il delitto di interferenza illecita della vita privata: brevi cenni sui profili applicativi”; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34184.
  54. Spetta al difensore del terzo interessato alla restituzione del bene in sequestro, in sede di riesame, un termine perentorio laddove il legale sia privo di una valida procura”, nota a sent., Cass. pen., sez. III, 16/12/10, dep. il 24/03/11, n. 11966; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34178.
  55. I presupposti previsti dall’art. 267, co. I, c.p.p.: problematiche applicative”; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34177.
  56. Furto aggravato con destrezza: problematiche applicative”, nota a sent., Cass. pen., sez. VI, 7/06/12, dep. il 12/06/12, n. 23108; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34154.
  57. Il legittimo impedimento del difensore sussiste anche se muore un suo prossimo congiunto”, nota a sent., Cass. pen.,, Sez. VI, ud. 7/06/12, dep. il 22/08/12, n. 32949; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34153.
  58. La calunnia implicita: profili teorici e casi pratici”; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34152.
  59. La restituzione in termini in relazione alla posizione processuale del difensore: profili pratici”, nota a sent., Cass. pen., sez. III, 18/07/12 – 2/10/12, n. 38137; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34151.
  60. L’impugnazione consentita alla parte civile ai sensi dell’art. 576 c.p.p.; il principio di autosufficienza del ricorso; il problema inerente la c.d. “doppia conforme”, l’obbligo del giudice di motivare sul perché abbia “preferito” una perizia rispetto all’altra”, nota a sent., Cass. pen., sez. IV, 17/04/12, n. 23146; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34132.
  61. Il sequestro conservativo nel procedimento penale in riferimento alla posizione processuale della parte civile: profili teorici e casi pratici”; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34130.
  62. Per valutare la sussistenza dei gravi indizi di colpevolezza è necessario utilizzare, in caso di presenza di prove indirette, il canone di valutazione di cui all'art. 192, co. II, c.p.p.”, nota a sent., Cass. pen., sez. IV penale, 21 giugno – 10 ottobre 2012, n. 40061; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34112.
  63. Affinchè ricorra il divieto del ne bis idem è sufficiente che i fatti materiali, a prescindere della loro qualificazione giuridica, siano identici”, nota a sent., Cass. pen.,, sez. VI Penale, 15 giugno – 6 luglio 2012, n. 26414; articolo pubblicato su https://www.diritto.it/docs/34083.
  64. Il consumo di gruppo di sostanze stupefacenti: casi pratici e problematiche teoriche”, nota a sent., Cass. pen.,  - sez. III Penale, 2 ottobre 2012, n. 38112; articolo pubblicato su https://filodiritto.com/index.php?azione=visualizza&iddoc=2895.
  65. Come e in che termini l’incapacità economica del genitore tenuto agli obblighi di assistenza nei confronti dei figli, rileva come esimente: brevi cenni sui profili pratici”, nota a sent., Cass. pen., sez. Feriale, 11 settembre 2012, n.36680; articolo pubblicato su https://filodiritto.com/index.php?azione=visualizza&iddoc=2893.
  66. Ingente quantità di stupefacente: elementi per l'aggravante”, nota a sent., Cass. pen.,  Sez. Unite, Sentenza 20 settembre 2012, n. 36258; articolo pubblicato su https://filodiritto.com/index.php?azione=visualizza&iddoc=2882;
  67. La clandestinità dell’imputato non impedisce la concessione del beneficio della sospensione condizionale della pena”, nota a sent., Cass. pen.,  Sez. IV, 7 giugno 2012, n. 22045; articolo pubblicato su https://filodiritto.com/index.php?azione=visualizza&iddoc=2847.
  68. Il reato di trattamento illecito di dati personali”, nota a sent., Cass. pen., sez. III, 24 marzo 2011, n. 18908; articolo pubblicato su https://filodiritto.com/index.php?azione=visualizza&iddoc=2829.
  69. Il reato di diffamazione a mezzo internet”, nota a sent., Cass. pen., sez. IV, 14 dicembre 2011, n. 46504; articolo pubblicato su https://filodiritto.com/index.php?azione=visualizza&iddoc=2819.
  70. Le garanzie difensive previste dall’art. 103 c.p.p.”; articolo pubblicato su https://filodiritto.com/index.php?azione=visualizza&iddoc=2858.
  71. La disciplina delle intercettazioni di conversazioni o comunicazioni non è applicabile alla corrispondenza dei detenuti”, nota a sent., Cass. pen., Sez. Unite, 18 luglio 2012, n. 28997; articolo pubblicato su https://filodiritto.com/index.php?azione=visualizza&iddoc=2846.
  72. M.A.E. processuale: problematiche applicative in sede di gravame”, nota a sent., Cass. pen. – sez. VI, 4 giugno 2012, n. 21470; articolo pubblicato su https://filodiritto.com/index.php?azione=visualizza&iddoc=2791.
  73. La mancata valutazione circa le ragioni che hanno portato a escludere rilievo alla prove assunte dalla parte ricorrente come motivo di annullamento del provvedimento impugnato”, nota a sent., Cass. pen., sez. VI,  23 aprile 2012, n. 15701; articolo pubblicato su https://filodiritto.com/index.php?azione=visualizza&iddoc=2769.
  74. Esecuzione delle pene detentive: brevi cenni sui profili applicativi - Articolo 656 Codice di Procedura Penale”; articolo pubblicato su https://filodiritto.com/index.php?azione=visualizza&iddoc=2735.
  75. La proroga del regime carcerario differenziato: problematiche applicative”, nota a sent., Cass. pen., sez. I, 28 dicembre 2011, n. 48396; articolo pubblicato su https://filodiritto.com/index.php?azione=visualizza&iddoc=2757.

 

LINGUE

Italiano:madrelingua

Inglese: discreto parlato e scritto.

 

SERVIZIO MILITARE

Assolto

CONOSCENZE INFORMATICHE

Buona conoscenza del sistema operativo Windows; dei programmi di posta elettronica e del pacchetto MS Office.

Autorizzazione al trattamento dei dati personali ai sensi della vigente normativa sulla Privacy.

Contatti

Antonio-di-tullio-d-elisiis

ditulliodelisiis.antonio@coalarino.legalmail.it ant.ditullio@libero.it antonioditullio@yahoo.com avv.antonioditulliodelisiis@gmail.com

studio legale sito in Larino (CB), via Jovine, n. 11.

n. telefono e fax 0874824611
cell. 3407812516.

Cerca nel sito

© 2012 Tutti i diritti riservati.

Crea un sito gratisWebnode